Il Palazzo dei Vescovi di Saluzzo riapre gratuitamente i battenti domenica 12 luglio, dalle 14.30 alle 18, dopo la forzata pausa primaverile.
L’iniziativa si colloca nel più ampio contesto delle aperture in rete dei Luoghi del Sacro, nelle seconde domeniche del mese da maggio a ottobre. In tale circuito di valorizzazione diocesano rientrano l’antica parrocchiale dei Santi Filippo e Giacomo di Verzuolo, con il suo celebre palinsesto di affreschi medievali affidati alle cure dell’A.C.V., il Santuario di San Chiaffredo a Crissolo, in mirabile posizione ai piedi del Monviso, Villar San Costanzo con la Cappella di San Giorgio e la cripta inglobate nella parrocchiale di San Pietro in Vincoli unitamente a San Costanzo al Monte, bene faro nell’orizzonte del romanico piemontese, Monastero di Dronero con il chiostro delle monache cistercensi, oggi parte integrante delle pertinenze della parrocchiale di Sant’Antonio Abate.
Nei siti elencati i Volontari per l’Arte accoglieranno i visitatori, seppure tra le necessarie norme di sicurezza, rendendo possibile per piccoli gruppi di persone una puntuale visita guidata.
Nel Palazzo dei Vescovi i visitatori saranno nuovamente ricevuti per ammirare ancora una volta il polittico di Hans Clemer in temporaneo deposito da Celle di Macra, un nuovo nucleo di 14 ex voto restaurati da Cesare Pagliero dopo la restituzione alla Diocesi da parte del Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale (originariamente esposti al Santuario di Valmala, a Santa Cristina di Verzuolo, a Rossana, a Roccabruna e a Cartignano, sono ora in fase di studio da parte di Almerino De Angelis e Patrizia Capobianco), il nuovo allestimento nella Sala Verde delle opere di don Cesare Maero e della sorella Elda concesse al Museo diocesano, il video recentemente realizzato nel cantiere di restauro del Duomo di Saluzzo per ringraziare quanti stanno sostenendo nell’intervento la Parrocchia Cattedrale di Maria Vergine Assunta.
Sono gradite le prenotazioni all’indirizzo di posta elettronica beniculturali@diocesisaluzzo.it per facilitare la composizione di gruppi che non potranno superare le cinque persone in contemporanea all’interno degli ambienti.
A quanti invece desiderano concedersi un’escursione in Valle Maira si segnala la Cappella di San Salvatore a Macra, aperta grazie all’impiego dell’app “Chiese a porte aperte” ed il Museo di Arte Sacra di Acceglio, allestito nella Confraternita dell’Annunziata.